Ognuna il suo stile: uno sguardo ad Oriente

Fonte: Il giornale della birra

  Chiunque abbia modo di trascorrere tempo in Cina, per vacanza o – come me –  per lavoro, non sfuggirà alla possibilità di assaggiare le birre locali, o meglio birre giapponesi e tailandesi. In un recente passato (solo 6 anni fa per esperienza personale) la birra locale, la Tsingtao (si pronuncia “Cindao”), era l’unica disponibile. Storicamente Giappone e Cina erano, infatti, due nazioni nemiche. Il fatto di trovare oggi anche la terza del “Far East” mi fa pensare ad un “pacere” tra  le due nazioni. Ecco, quindi, un approfondimento sulle birre Orientali con alcune note di degustazione e di storia!    La Suntory (la giapponese), è prodotta dai quattro principali produttori in Giappone: Asahi, Kirin, Sapporo e Suntory, producendo principalmente lager leggere di colore chiaro con una gradazione alcolica di circa 5,0% ABV (anche se quella che ho io in dotazione arriva a poco più di 3). Le lager in…

Leggi: Ognuna il suo stile: uno sguardo ad Oriente