I Contrabbandieri di Birra: Capitolo 39

Fonte: Il giornale della birra

  Il viaggio di ritorno alla prigione, per quanto corto, sembrò eterno. Anni ed anni di prigione attendevano i due, non ancora processati per l’omicidio di O’Gigante. E per Pietro, le porte del carcere degli “adulti” non si sarebbero chiuse per far spalancare quelle del carcere minorile, sicuramente più adato alla sua giovane età e, ad ogni buon conto, un po’ meno truce e duro. Ma in realtà, il giovane, aveva già provato tutto quello che di peggio la vita del carcerato poteva dare<. Lavori forzati, violenze verbali, percosse, stupri… l’unica cosa che non aveva ancora provato era l’angheria che loro stessi avevano inferto al suo torturatore: la morte. Ma non era forse essa, più che una condanna, un privilegio? Una specie di bonus, una via preferenziale per terminare prima del dovuto le proprie agonie terrene? Certo, chiunque nel mondo soffre, ma è innegabile che l’essere privati della propria libertà,…

Leggi: I Contrabbandieri di Birra: Capitolo 39