Coltivazione idroponica del luppolo: sogno irrealizzabile o prospettiva di successo?

Fonte: Il giornale della birra

La coltivazione del luppolo in Italia si sta diffondendo rapidamente, seppur in modo ancora frammentario e poco organizzato lungo tutto lo Stivale: il nostro Paese, infatti, pur non avendo una tradizione culturale e colturale rispetto a tale essenza vegetale, risulta microclimaticamente idoneo alla crescita della pianta. È, infatti, tutt’altro che raro ritrovare piante spontanee di Humulus lungo i torrenti, nei pressi delle zone umide, perfettamente sviluppate e dal grande vigore vegetativo. Anche se ad oggi i luppoleti realizzati e coltivati professionalmente sono solo qualche decina, l’interesse e le prospettive di sviluppo per l’introduzione di cultivar ad uso birrario desta sempre maggiore interesse. Parallelamente al tentativo di coltivare la pianta secondo i dettami tradizionali, non mancano gli innovatori e gli sperimentatori: tra questi non si può non citare Alessio Saccoccio ed il suo impianto sperimentale di luppolo in sistema idroponico.   . .   Per i non addetti ai lavori, ricordiamo…

Leggi: Coltivazione idroponica del luppolo: sogno irrealizzabile o prospettiva di successo?